Home  Partner  Obiettivi  Promozione  Produttori   VIDEO  Territorio   Ospitalità  10 BM !

 
HHH

PRODOTTI TIPICI TRADIZIONALI TRENTINI

Il piacere dell’inaspettato:
lasciati trasportare dal gusto tutto trentino
!
 

 

 

 TRENTINO GRAPPA

L'Istituto Tutela della Grappa del Trentino è nato nel 1960 da un'intuizione di cinque distillatori, Bertagnolli, Pisoni, Sebastiani, Segnana e Bassetti, che già allora avevano compreso l'importanza delle regole di autodisciplina e dei controlli di qualità sulla grappa.

Oggi l'Istituto conta 29 soci dei quali 21 sono distillatori e rappresentano la quasi totalità della produzione trentina.

Fra i tanti metodi con i quali, mediante la distillazione della vinaccia, si può ottenere la Grappa, i distillatori trentini hanno adottato quello che è stato definito il "Metodo trentino discontinuo a Bagnomaria".

Riposte nella caldaia dell'alambicco, le vinacce (bucce e vinaccioli dell'uva) vengono riscaldate non dal fuoco diretto, come succedeva un tempo, ma dal calore proveniente dall'acqua portata a temperatura in un'intercapedine posta fra la caldaia e la sorgente di calore. In questo modo la vinaccia libera lentamente i vapori che, una volta raccolti e riportati allo stato liquido, danno origine alla Grappa.

Il Bagnomaria è un processo lento. Il calore accarezza le bucce dell'uva e queste cedono ai vapori i loro profumi e i caratteristici aromi, le essenze più fini che poi l'estimatore della Grappa trentina ritroverà nel prezioso distillato.

Il Trentino è terra vocata per la coltivazione della vite. I terreni porfirici della Valle di Cembra, quelli alluvionali della Piana Rotaliana, i conoidi della Valle dei Laghi e le colline d'Isera consentono produzioni eccellenti di Müller-Thurgau, Teroldego, Nosiola e Marzemino. Dalle bucce di queste uve, i Mastri distillatori trentini, grazie al Metodo trentino discontinuo a Bagnomaria,ottengono grappe di inimitabile morbidezza e armonia.

Grappa trentina di origine e qualità garantite è facilmente riconoscibile. Il sigillo con il Tridente, che il consumatore individua facilmente sulla bottiglia, prevede tutta una serie di controlli stabiliti dai produttori soci dell'Istituto di Tutela per certificare che:

1. la Grappa è sicuramente prodotta con vinacce trentine

2. la Grappa è stata controllata sia dal punto di vista chimico che organolettico. È quindi sicura per quanto attiene l'aspetto salutistico e perfettamente in linea con i livelli qualitativi previsti dal disciplinare di produzione.

Allorquando il distillatore associato all'Istituto di Tutela ha pronta la propria grappa per essere imbottigliata, deve prelevarne quattro campioni e farli pervenire al Laboratorio d'analisi dell'Istituto Agrario di San Michele all'Adige per l'esame chimico.

Se la Grappa rientra nei parametri chimici stabiliti, uno dei quattro campioni viene inviato alla Camera di Commercio I.A.A. di Trento, presso la quale, ogni quindici giorni, si riunisce un'apposita Commissione deputata al controllo organolettico.

La Commissione è composta da due distillatori soci dell'Istituto, da un rappresentante del Laboratorio dell'Istituto Agrario di San Michele all'Adige e di due esperti indicati dall'ANAG (Associazione Nazionale Assaggiatori Grappa). In quella sede si decide se la Grappa per la quale è stato richiesto il Marchio corrisponde al tipo indicato in etichetta (giovane, monovitigno, invecchiata, ecc.) e se il livello di qualità è conforme allo standard prefissato.

Se la Grappa viene giudicata idonea al Marchio, il socio potrà ritirare presso la segreteria dell'Istituto tanti Marchi numerati quante sono le bottiglie da 0,70 cl. Che possono essere messe in commercio visto il quantitativo prodotto. La seconda fase dei controlli prevede l'acquisto, a campione, delle Grappe con il marchio nei negozi, da parte di un incaricato dell'Istituto di Tutela e la ripetizione dell'intero percorso (Laboratorio e Commissione organolettica) previsto per la dichiarazione di idoneità. La Grappa acquistata sul mercato deve corrispondere al campione (uno dei quattro) che è stato depositato presso il Laboratorio al momento della richiesta d'analisi.

Una prassi rigorosa, forse unica in Italia, per assicurare al consumatore che la Grappa del Trentino contrassegnata dal Marchio del Tridente è di origine e qualità garantite.

VAI AL SITO: http://www.grappatrentinadoc.it/

 


 

Colorati, genuini, buoni, di forme diverse,   ... sembra impossibile eppure  accade ogni volta di trovare un gusto nuovo!
 

 

 


  NOTE LEGALI     I NOSTRI LINK     CONTATTI     IMPRESSUM     PRIVACY    RICHIESTA INFO

 

Federazione Trentina della Cooperazione Soc.Coop.|via Segantini, 10 - 38122 Trento (Italy)   info@sentiladifferenza.info 
[sito in fase di elaborazione. Se hai delle proposte di modifica/integrazione scrivici]